• Alessia Camoirano Bruges

Appartenenza

La prima volta che ho visitato Londra ho sentito dentro di me qualcosa di diverso, un senso di conforto, appartenenza e complicità. 

Cosi, appena ho finito le superiori ho preso le mie cose e ho lasciato casa. Ma cosa e’ realmente casa? Un tetto? Il posto dove le persone che ami vivono? Per me il concetto di casa e’ sempre stato alieno, difficile da articolare tanto meno da poter visualizzare. 

Quando qualcuno mi chiede dove e’ casa, semplicemente dico Londra. Ma ovviamente, per il mio accento, mi viene ripetuta la domanda una seconda volta, come se non avessi sentito e già’ risposto. 

E questo credo sia una costante con persone di mixed heritage e third culture kid. 

Di conseguenza ho iniziato a cercare delle risposte dentro di me e esplorarle con l’arte. 



I belong deeply to myself

Sono nata in Italia da mamma Colombiana. Ma non sono cresciuta in Italia. Mio padre era un trasfertista in centrali elettriche e nucleari, di conseguenza ci trasferivamo in continuazione. I miei amici dicono ancora oggi che hanno dei “buchi” costanti dove ci sono e poi non ci sono piu e poi eccomi ancora. 

Trasferirsi continuamente, esplorare diverse culture, lingue, conoscere persone per poi lasciarle e ripetere il tutto ancora. Tornare in Italia non era facile. In Italia ero la ragazza Colombiana e in Colombia ero la ragazza Italiana. Ma quando sono arrivata a Londra, tutto ciò non importava più. 

Detto questo, ho subito diversi attacchi da persone razziste che molte volte mi hanno insultata per il colore della mia pelle e il mio accento. Ma questo succedeva anche in Italia. Quello che e’ cambiato e’ stato il fatto che attorno a me ci fossero persone come me, proveniente da tutto il mondo, con lingue e culture diverse. Non ero più sola. 

Creare un senso di appartenenza e’ fondamentale per la propria salute mentale. Infatti aiuta a ridurre stress, ansia, solitudine, depressione e tantissimi altri benefici. Il problema e’ che non tutti possono creare e sentire un senso di appartenenza. E sembra quasi che ci sia un ossessione nel dover appartenere ad una cosa e basta, in maniera devastante e tossica. Prima di venire a Londra mi sono sempre sentita fuori luogo, senza un luogo dove appartenere.



London Nights

Mentre ricercavo piu’ informazioni sull’appartenenza, mi sono accorta che ci sono diverse situazioni dove ho sentito un senso di appartenenza e non deve solo essere uno. Siamo essere complessi, non per forza bisogna scegliere una cosa e basta. Nel mio caso, e’ quasi impossibile. Come posso sentire di appartenere ad un solo posto quando io stessa ne porto cosi tanti dentro di me? Scegliere in questo caso e’ riduttivo. 

Ammetto la confusione, il non sapere da dove si proviene realmente. Ma nel momento che ho accettato che non devo essere solo una cosa e basta, nel momento che ho accettato che posso appartenere a più luoghi o nessuno ed accettare la fluidità della vita, solo in quel momento ho sentito il peso della confusione lentamente scivolare. 

Ho apprezzato tutte le opportunità che la vita mi ha dato e il fatto che essere mixed heritage e third culture kid in realtà e’ stato un dono della vita perche’ mi ha fatto capire l’importanza di essere diversi, empatia, open minded, capire diverse persone con culture e storie diverse.



1 view
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now